Region: Lombardy
Civil rights

No all'attuazione del "regionalismo differenziato" in Lombardia

Petition is directed to
Consiglio regionale della Lombardia
309 Supporters
10% achieved 3.000 for collection target
  1. Launched 15/10/2021
  2. Time remaining > 4 months
  3. Submission
  4. Dialog with recipient
  5. Decision

I agree to the storage and processing of my personal data. The petitioner can see name and place and forward this information to the recipient. I can withdraw my consent at any time.

Ti invitiamo a leggere e sottoscrivere la Petizione popolare indirizzata al Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, che si propone di:

  •  revocare gli atti e le decisioni assunti dalla Regione con la sottoscrizione dell’Accordo preliminare nel febbraio 2018, seguiti dalle trattative che si sono protratte nel 2019 quali premesse a un’Intesa;
  • sospendere il processo di attuazione delle richieste da parte di Regione Lombardia di “Ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia”, espresse al Governo ai sensi dell’art. 116, comma 3 della Costituzione.

Cos’è l’autonomia differenziata regionale?

Nel 2001 è stata introdotta in Costituzione (art. 116, c. 3) la facoltà, per le Regioni a statuto ordinario, di richiedere ulteriori funzioni legislative e amministrative rispetto a quelle loro attribuite di consueto (le materie per cui questa richiesta è possibile sono quelle indicate all’art. 117 della stessa Costituzione).

Le richieste della Lombardia

Regione Lombardia ha chiesto nel 2018-2019 di esercitare forme e condizioni ulteriori di autonomia in 20 materie e 160 tra competenze legislative e amministrative, tra cui tutte quelle che riguardano l’esercizio dei diritti fondamentali: salute, istruzione e lavoro, ovvero le materie che secondo la Costituzione, nella loro attuazione, devono rispondere ai principi di solidarietà, uguaglianza e unità della Repubblica, nel rispetto e promozione del pluralismo territoriale.

La situazione attuale

Nel quadro sopra delineato, il Governo Draghi ha inserito l’attuazione dell’autonomia differenziata regionale nel DEF e NADEF 2021 (Documento di Economia e Finanza e Note di aggiornamento del 29 settembre 2021) e la Ministra Mariastella Gelmini ha annunciato un nuovo disegno di legge in materia (che fa seguito al progetto del Ministro F. Boccia sul “regionalismo differenziato” del 2019).

In tale continuità, le Regioni che hanno sottoscritto un Accordo preliminare con il Governo nel 2018 (Emilia- Romagna, Lombardia e Veneto), stanno riconfermando le loro richieste.

Le ragioni della petizione

Perché l’autonomia differenziata ci riguarda e che cosa possiamo dire brevemente nel merito:

  • l’ampliamento delle competenze da parte delle Regioni deve ora essere rivisto in una situazione profondamente mutata dopo la crisi economica esplosa dal 2008, la stagnazione successiva e l’esperienza ancora in atto della pandemia;
  • attualmente l’autonomia differenziata regionale viene rivendicata come se la situazione della Lombardia e del Paese fosse la stessa del dicembre 2017 (referendum consultivo in Lombardia), in mancanza di informazione e discussione pubblica sui suoi contenuti e conseguenze;
  • le richieste di ulteriori funzioni e competenze non risultano motivate da differenze regionali significative o specificità culturali, territoriali e linguistiche ma, negli atti e nelle dichiarazioni ufficiali, si afferma una presunta capacità del governo regionale di fare meglio e prima di quello nazionale, alimentando una conflittualità tra le istituzioni del tutto infondata e incapace di rispondere ai bisogni dei cittadini;
  • perché l’attuazione del processo di autonomia differenziata potrebbe apportare ulteriori divari e disuguaglianze fra le Regioni e anche al loro interno, non riuscendo a garantire in prospettiva coesione e unità nazionale, come indicato all’art. 5 della Costituzione. Materie essenziali - quali salute, istruzione, ambiente e lavoro - rischiano infatti di essere sottratte alla potestà legislativa statale con prevalenza della sola legislazione regionale.

PUOI LEGGERE IL TESTO INTEGRALE DELLA PETIZIONE QUI: FB Comitati NOAD, testo integrale della petizione presentazione della Petizione https://www.facebook.com/ritiroqualunqueautonomiadifferenziata/photos/pcb.1040047843454560/1040343426758335 testo della presentazione https://www.facebook.com/ritiroqualunqueautonomiadifferenziata/photos/a.478775576248459/1040357136756964/

OPPURE QUI: Facebook CDC Lombardia, testo integrale della Petizione https://www.facebook.com/cdc.lombardia/photos/pcb.400213521755792/400519118391899/, presentazione della Petizione https://www.facebook.com/cdc.lombardia/photos/a.101231394987341/400529318390879/

RICORDA CHE SONO VALIDE SOLO LE FIRME DELLE PERSONE RESIDENTI IN LOMBARDIA!

Reason

Per le motivazioni indicate per esteso nella Petizione, che ti invitiamo a leggere integralmente qui: Facebook Comitati NO AD Lombardia, testo integrale della Petizione https://www.facebook.com/ritiroqualunqueautonomiadifferenziata/photos/pcb.1040047843454560/1040343426758335, oppure qui: Facebook CDC Lombardia https://www.facebook.com/cdc.lombardia/photos/pcb.400213521755792/400519118391899/

"... con la presente petizione, chiediamo l’adozione di un atto politico forte di discontinuità della nostra Assemblea Regionale. La petizione è sottoposta anche alle Rappresentanze delle Autonomie locali, delle Parti sociali e della cittadinanza- Invitiamo tutti i nostri interlocutori a riconoscere la necessità di:

  • un’immediata revoca e sospensione da parte di Regione Lombardia delle richieste di ulteriore autonomia differenziata contenute nell’Accordo preliminare citato, negli atti e nelle successive negoziazioni con il Governo;
  • una preventiva e sollecita definizione delle norme e dei principi per le materie e i diritti essenziali ancora mancanti (medicina territoriale, governo del territorio e ambiente, ecc.) a premessa di rinnovate politiche pubbliche e del trasferimento di competenze e funzioni alle Autonomie locali costituzionalmente fondato;
  • un pieno coinvolgimento in tutte le fasi dei processi sopra richiamati dell’Assemblea regionale e, per quanto di competenza, della società lombarda, del Parlamento e del Governo della Repubblica.

Con la presente Petizione, le/i sottoscritte/i cittadine/i chiedono all’Assemblea legislativa regionale, e quindi ai nostri Rappresentanti sul territorio, un segnale forte di mutamento e di inversione di tendenza.

Per le ragioni sopra esposte si richiede: la revoca della D.C.R. XI/16 del 15 maggio 2018, la sospensione contestuale del processo attuativo dell’Accordo preliminare del 28 febbraio 2018 e degli atti a esso connessi, oltre che di ogni relativo mandato diretto al conferimento a Regione Lombardia di ulteriori forme e condizioni di autonomia ai sensi dell’art. 116, c. 3 Cost. cit., interrompendo le relative negoziazioni con il Governo al fine di ulteriori prerogative legislative e funzioni amministrative.

Le cittadine / i cittadini sottoscrittori.

Translate this petition now

new language version

News

Not yet a PRO argument.

No CONTRA argument yet.

Why people sign

5 days ago

Per salvaguardare l'unità dello stato soprattutto nei servizi che rispondono a beni universali, come la salute (anzitutto) e l'istruzione.

5 days ago

per l'unità dell'Italia e perché accrescerebbero le disuguaglianze e le ingiustizie

7 days ago

Perché con queste modifiche costituzionali verrebbero annullati i princìpi fondamentali di democrazia nel nostro paese.

8 days ago

La legge sull'autonomia differenziata aggrava le disuguaglianze territoriali e sociali

Tools for the spreading of the petition.

You have your own website, a blog or an entire web portal? Become an advocate and multiplier for this petition. We have the banners, widgets and API (interface) to integrate on your pages.

Signing widget for your own website

API (interface)

/it/petition/online/no-allattuazione-del-regionalismo-differenziato-in-lombardia/votes
Description
Number of signatures on openPetition and, if applicable, external pages.
HTTP method
GET
Return format
JSON

Help us to strengthen citizen participation. We want your petition to get attention and stay independent.

Donate now